Lo scompenso cardiaco

Lo scompenso cardiaco

[articolo pubblicato su La Nazione del 03/12/2017 di Federico Mereta]

QUANDO SI PARLA di epidemia, il pensiero corre subito a virus o batteri che ci attaccano. Ma nella medicina moderna esistono anche malattie in grado di creare veri e propri allarmi, per il numero di persone colpite e le tendenze future, che non sono legate a meccanismi infettivi. Una di queste è sicuramente la “malattia del cuore stanco”, meglio nota in termini scientifici come scompenso cardiaco. In questa situazione il cuore non riesce a pompare in modo soddisfacente il sangue nel resto dell’organismo. Oggi quasi un milione di persone in Italia deve fare i conti con questo problema e nel corso della vita una persona su cinque è a rischio di sviluppare scompenso cardiaco ed è più frequente che questa patologia si presenti in età avanzata, con un’incidenza progressivamente maggiore in relazione all’invecchiamento.

scompenso cardiaco

PARTE DA QUESTE CIFRE l’impegno dell’Aisc – Associazione italiana scompensati cardiaci – che insieme alla Regione Lombardia hanno voluto accendere i riflettori su una patologia che – pur essendo la seconda causa di morte in Italia, non riceve tutta l’attenzione che meriterebbe. Anche per questo spesso si sottovalutano i sintomi come stanchezza, spossatezza e affaticamento. E a volte si arriva tardi con la diagnosi, come emerso nella giornata di lavori tenutasi a Milano.

L’approccio deve coinvolgere tutti i protagonisti – loro malgrado – della condizione: dal paziente fino a chi lo segue, dallo specialista alla medicina generale, in un contesto che vede la sanità pubblica fortemente impegnata. «I dati epidemiologici sulla prevalenza dello scompenso – spiega Salvatore Di Somma, professore di Medicina Interna, dipartimento di scienze medico-chirurgiche e di medicina traslazionale dell’università La Sapienza di Roma e direttore del comitato scientifico dell’Aisc – sono piuttosto allarmanti.

Attualmente, lo scompenso cardiaco colpisce lo 0.4 /2 per cento della popolazione adulta europea con una mortalità a quattro anni del 50 per cento. Rappresenta il 5 per cento delle ospedalizzazioni totali e interessa il 2 per cento della spesa del Sistema sanitario nazionale. Il suo alto costo è principalmente causato dall’elevata frequenza di re-ospedalizzazioni (40 per cento entro 12 mesi), determinate dal peggioramento dello stato di congestione, sia a livello sistemico che polmonare. In questo preoccupante scenario, diventa sempre più importante un precoce riconoscimento della patologia e una sua corretta gestione, a partire dalla situazione di emergenza fino alla dimissione a domicilio, passando per una necessaria riabilitazione cardiologica». Insomma, per una patologia che partendo dal cuore interessa tutto l’organismo, occorrono conoscenza e attenzione.

LA CARENZA DI “SPINTA” da parte del cuore, infatti, porta gli organi e i tessuti ricevono quantità insufficienti di ossigeno per le loro esigenze metaboliche. L’organismo reagisce accumulando sodio e acqua nei polmoni e nei tessuti. Così compaiono i sintomi, legati al fatto che i liquidi in eccesso di depositano portando ad affanno ridotta tolleranza allo sforzo, affaticamento, edema (cioè gonfiore). «Come Associazione di pazienti – sottolinea il presidente di Aisc, Oberdan Vitali – siamo orgogliosi di trovare un riscontro importante in tutti i territori che riusciamo a coprire. In particolare la Regione Lombardia si è dimostrata da subito sensibile all’esigenza di avere centri specializzati dove accogliere e curare i cittadini lombardi. L’esperienza ci ha insegnato che creare strutture dove trovare soluzioni terapeutiche efficaci ed innovative permette di riacquisire una qualità di vita soddisfacente».

admin La Mia Pressione

Leggi l’articolo completo sul blog originale

Informazioni su ipertensione e ipotensione

Parliamone, lascia un commento