Le tasse per chi vende casa (dalla guida Altroconsumo)

Le tasse per chi vende casa (dalla guida Altroconsumo)

Sfogliare il sito Altroconsumo.it  è sempre interessante, forse anche più che sfogliare la rivista: è pieno di informazioni utili per ogni aspetto della finanza domestica, dal risparmio sulle bollette telefoniche, gas e luce, alla scelta dei migliori elettrodomestici.

Mi sono abbonato ad Altroconsumo per ricevere il tablet in regalo (carino, funziona bene), ma considero l’accesso alle informazioni agli abbonati sul sito ancora più preziose.

Per esempio, per restare in argomento, facendo una ricerca su altroconsumo per la parola “CASA” si ottengono tante informazioni utili anche sulla compravendita, molte delle quali abbiamo già affrontato qui sul blog:

ALTROCONSUMO le tasse per chi vende casa

Un argomento che ho trovato su Altroconsumo e che invece non è mai stato trattato su unacasapiugrande.it  riguarda le tasse per chi vende casa.

Non solo chi compra casa deve considerare le varie imposte, ma in alcuni casi eccezionali, ci sono imposte che gravano anche su chi compra casa.  Le scopriamo insieme grazie alla guida pubblicata su altroconsumo.it

Le tasse per chi vende casa

Se vendi un immobile si può generare una plusvalenza, cioè una differenza positiva tra l’incasso della vendita e il prezzo di acquisto o il costo di costruzione dell’immobile stesso.

La plusvalenza viene tassata solo se deriva da una cessione a titolo oneroso di immobili acquistati o costruiti da non più di cinque anni. (per chiarire, se avete comprato casa più di 5 anni fa e adesso la rivendete, non ci sono tasse da pagare; non si pagano tasse in ogni caso se questa era la vostra abitazione principale, come spiegato più avanti)

Questo tipo di reddito è inserito nella dichiarazione dei redditi tra i “redditi diversi” e viene tassato con le normali aliquote Irpef. In pratica per la tassazione si somma agli altri redditi che hai percepito nell’anno. In alternativa alla tassazione ordinaria puoi scegliere l’imposta sostitutiva del 20%. Generalmente questo tipo di tassazione è più conveniente e per ottenerla devi fare una dichiarazione dal notaio che l’annoterà sull’atto di vendita. Sarà il notaio a occuparsi del versamento dell’imposta che dovrai anticipare, oltre a comunicare all’Agenzia delle Entrate i dati relativi alla compravendita.

Non sono tassati, né con l’imposta ordinaria né con la sostitutiva, gli immobili:

  • derivanti da successione o usucapione;
  • ricevuti in donazione, se, con riferimento alla persona che ha donato l’immobile, sono trascorsi cinque anni dall’acquisto o costruzione dello stesso (in questo caso, il costo d’acquisto o di costruzione è quello sostenuto dal donante);
  • che, per la maggior parte del periodo trascorso tra l’acquisto (o la costruzione) e la cessione, sono state adibite ad abitazione principale del cedente o dei suoi familiari.

(fonte altroconsumo.it   https://www.altroconsumo.it/casa-energia/casa-condominio/news/tasse-per-comprare-casa/le-tasse-per-chi-vende-casa)

admin-Salvatore

Leggi l’articolo completo sul blog originale

compravendita della prima casa

Parliamone, lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizziamo i tuoi dati solo per poter pubblicare il tuo commento.Leggi la pagina della privacy policy per sapere come proteggiamo i dati che inserisci per commentare. I commenti sono protetti da spam da Akismet. Leggi la privacy policy di Akismet per sapere come trattano i tuoi dati.