La beneficenza solleva lo Stato dai suoi doveri verso le fasce più deboli?

Quando un neonato ha bisogno di cure la sanità pubblica deve essere presente. Se un ospedale ha bisogno di macchinari, lo Stato deve provvedere. Cos’è lo Stato se non è anche Stato sociale?  Sono compiti imprescindibili dello Stato e dei suoi rappresentanti pensare alla salute dei cittadini ed all’organizzazione del sistema sanitario.

Quando sento dire che lo Stato non ha svolto i suoi compiti, ma per fortuna la solidarietà ha rimediato vado letteralmente in bestia. Solidarietà e beneficenza di questo tipo sollevano lo Stato dalle sue responsabilità che si può girare dall’altra parte e fare finta di nulla.  L’aiuto vero che la cittadinanza può dare alla Sanità Pubblica non sono quattro spicci rispetto al monte di denaro che serve, ma prendere per lo Stato metaforicamente per la giacchetta, tirare e farlo guardare verso i più bisognosi, dove c’è bisogno che si impegni.

Sostituirsi ai doveri dello stato è sbagliato. Lo Stato non può disinteressarsi dei suoi cittadini sperando che poi la solidarietà intervenga.

Leggi questa opinione completa pubblicata sul sito Chiprotesta.it

Leggi l’articolo completo sul blog originale

Parliamone, lascia un commento