Il New York Time getta molte ombre sull’acquisto del Milan

Il New York Time getta molte ombre sull’acquisto del Milan

Molte perplessità avevano accompagnato la trattativa per la vendita del Milan al gruppo cinese di Li Yonghong, con scadenze non rispettate, flussi di denaro che hanno seguito strani percorsi, passando da paradisi fiscali, soldi presi in prestito a tassi altissimi e con scadenze che la nuova società quasi sicuramente non riuscirà a rispettare.

Poi, dopo che a giugno il piano economico del Milan è stato giudicato deficitario e poco realistico, la scorsa settimana al nuovo esame del UEFA il Milan è stato ancora rimandato a dare migliori giustificazioni al suo bilancio. Il nuovo slittamento è stato accolto favorevolmente dalla società e dai commentatori economici, ma non si capisce bene perché. Il piano economico del Milan è ancora nebuloso e senza solide basi per poter rientrare nei parametri UEFA e non vedo come in meno di un mese possa andare tutto a posto.

Subito dopo è arrivata l’inchiesta del New York Times che ha analizzato e smascherato le presunte capacità economiche di Li Yonghong, e ne fa uscire un quadro davvero preoccupante. Su tutte una domanda: i soldi di chi sono?

Pallotta si è poi scusato per le sue dichiarazioni sul bilancio rossonero, ma forse andava ascoltato di più.

Per evitare che siano fatte strumentalizzazioni di parte, riporto l’articolo tradotto in italiano del New York Times

China’s Soccer Push Puts a Storied Team Under Murky Ownership

L’articolo originale a questo indirizzo: https://www.nytimes.com/2017/11/16/business/dealbook/china-soccer-acmilan-ownership.html

inchiesta NYT proprietà Milan

Traduzione letterale:

Il calcio cinese mette una squadra storica sotto una oscura proprietà

Quando l’uomo d’affari cinese Li Yonghong ha acquistato l’AC Milan, il club di calcio italiano famoso in tutto il mondo, praticamente nessuno in Italia aveva sentito parlare di lui.

Praticamente neanche nessuno in Cina.

Il signor Li non era mai stato nominato in una delle liste della Cina delle persone più ricche del paese. L’impero minerario che descriveva agli ufficiali di calcio italiani era a malapena conosciuto anche nei circoli minerari.

Tuttavia, il signor Li sembrava avere l’aspetto più importante: i soldi. Ha comprato il club ad aprile per 860 milioni di dollari da Silvio Berlusconi, l’ex primo ministro italiano, per aggiudicarsi il più grande accordo di calcio della Cina.

Oggi, l’acquisizione del signor Li del Milan sembra essere emblematica di una serie di affari cinesi travagliati .

La squadra di calcio, che sparge denaro in seguito a spese folli, è alla ricerca di nuovi investitori o di un rifinanziamento del prestito ad alto interesse che il signor Li ha preso per comprare il club. Il prestito arriverà tra un anno.


I documenti aziendali cinesi mostrano che – sulla carta, almeno – qualcun altro possiede il suo impero minerario. Gli uffici di quella società erano vuoti durante una recente visita e un cartello sulla porta del proprietario citava l’affitto non pagato. Un portavoce del Milan ha affermato che il controllo del business minerario da parte di Li è stato verificato da avvocati e banche coinvolte nella transazione.

I registri cinesi mostrano anche una serie di dispute commerciali e scontri tra il signor Li e le autorità di regolamentazione cinesi.

L’emergere della Cina come potenza economica mondiale arrivò con un libretto degli assegni pronto per i marchi più importanti. I proprietari cinesi controllano ora l’hotel Waldorf Astoria a New York, i teatri AMC, la società di produzione di Hollywood Legendary Entertainment e AC Milan.

Poi i funzionari cinesi iniziarono a temere che la spesa fosse semplicemente parte di un esodo di denaro dalla Cina così vasto che una volta minacciò di destabilizzare l’economia del paese , la seconda più grande al mondo. Questa estate, il governo ha ordinato alle sue banche di controllare i prestiti ad alcuni dei maggiori produttori di beni del paese.

Fuori dalla Cina, alcuni degli accordi hanno portato i controllori economici a fare domande sui magnati dietro di loro. Alcune persone benestanti in Cina elencano le loro partecipazioni sotto il nome di parenti o associati per evitare il controllo, una pratica che ha attirato critiche all’interno e all’esterno del paese.

Nel caso del signor Li, le miniere che aveva comunicato all’AC Milan da lui controllate erano di proprietà di quattro persone diverse dall’anno scorso, secondo i registri delle società cinesi. Gli affari cambiano le mani due volte senza soldi, mostrano i documenti.

Il signor Li ha rifiutato una richiesta di intervista attraverso l’AC Milan. Il portavoce del club ha difeso il signor Li nelle sue dispute commerciali, dicendo che a volte era una vittima e che a volte non era a conoscenza di regole complicate. Il portavoce ha anche detto che il club sta valutando diverse proposte di rifinanziamento ed è sicuro che potrebbe coprire il prestito.

La spesa cinese per il calcio ha totalizzato 1,8 miliardi di dollari negli ultimi cinque anni, secondo Dealogic, un fornitore di dati, ma i funzionari cinesi stanno mettendo fine alla baldoria, a causa delle preoccupazioni sulla fuga di denaro all’estero.

“Ci sono molti modi per investire nel calcio e nell’industria dello sport con molto meno denaro”, ha detto Mark Dreyer, che monitora gli investimenti cinesi sul suo sito web, China Sports Insider . “Le persone utilizzavano fondamentalmente la precedente spinta del governo per lo sport come un modo per diversificare in diversi settori e ottenere i loro soldi dalla Cina”.

Il signor Li aveva molte ragioni per comprare l’AC Milan. Il presidente Xi Jinping aveva professato il suo amore per il calcio e voleva che la Cina diventasse una superpotenza nello sport entro il 2050. Il governo cinese aveva predisposto un piano per aumentare gli investimenti sportivi.

Un’acquisizione di AC Milan sarebbe un accordo di selezione. Un decennio fa, il club ospitava alcuni dei più grandi talenti del calcio, tra cui Ricardo Izecson dos Santos Leite, noto come Kaká, e Andrea Pirlo. E’ stato un sette volte campione europeo.

Ma non vince un campionato italiano o un titolo europeo da anni. I fan hanno accolto favorevolmente l’arrivo del signor Li come potenziale catalizzatore. Questa estate, il Milan ha iniziato ad acquistare nuovi giocatori in un modo che sembrava segnalare il desiderio di competere di nuovo.

Tuttavia, il signor Li e il signor Berlusconi hanno raggiunto l’accordo in un momento difficile. Pechino, spaventata dai deflussi di capitali senza precedenti e da una valuta indebolita , aveva imposto restrizioni agli investimenti all’estero alla fine dell’anno scorso .

il nuovo volto del milan cinese

Il signor Li ha creato delle società nelle Isole Vergini britanniche e in Lussemburgo che avrebbero messo la proprietà legale del club fuori dalla Cina, secondo Marco Fassone, amministratore delegato dell’AC Milan. Il signor Li ha anche preso in prestito circa $ 354 milioni dalla società di gestione di fondi hedge Elliott, un prestito che deve rimborsare entro ottobre 2018. Una portavoce di Elliott ha rifiutato di commentare.

Il Milan rimane indebitato e non redditizio, e potrebbe avere difficoltà a rimborsare ciò che deve da solo. Ha speso circa $ 274 milioni per 11 giocatori questa estate, secondo il portavoce del club, rendendolo tra i maggiori spesi nel calcio europeo.

Ad agosto, il Milan ha dovuto aspettare per  il trasferimento di due giocatori che aveva acquistato da altre squadre perché non aveva depositato le obbligazioni bancarie obbligatorie. Il club ha accusato un problema di tempo per il ritardo e alla fine i trasferimenti sono stati completati. La squadra è al settimo posto ma, con oltre due terzi della stagione giocati, deve finire tra i primi quattro per guadagnare un posto nella Champions League, l’elite del calcio europeo, la prossima stagione. La squadra potrebbe perdere importanti introiti televisivi se non riesce a raggiungere quel livello.

Non è chiaro quanto la ricchezza del signor Li possa aiutare il club a risolvere i suoi problemi.

All’inizio era sconosciuto agli affaristi che cercavano di vendere il club, hanno detto le persone coinvolte nella transazione. Originariamente faceva parte di un gruppo che includeva Sonny Wu, un noto investitore che è presidente della società di private equity GSR Capital, hanno detto queste persone. Ma il signor Wu si è tirato fuori dall’affare.

In una email, il signor Wu ha detto di non aver parlato con i banchieri del signor Li o del suo consorzio. Rothschild & Company, la banca d’investimento che ha consigliato il signor Li, ha rifiutato di commentare.

Il signor Li ha detto all’AC Milan che le sue partecipazioni includono operazioni di estrazione del fosfato nella città di Fuquan nella provincia di Guizhou.

Ma i documenti aziendali cinesi mostrano che le miniere sono di proprietà di un’altra parte: Guangdong Lion Asset Management, una società di investimento. E il Guangdong Lion ha avuto un complicato record di proprietà negli ultimi due anni, coinvolgendo un numero di persone con nomi di famiglia simili. (Un procedimento giudiziario suggerisce che il signor Li abbia una relazione con il Guangdong Lion, anche se non è chiaro di quale tipo.)

In origine, il Guangdong Lion era in fin dei conti di proprietà di due investitori, Li Shangbing e Li Shangsong, secondo quanto archiviato. Come Li Yonghong, i due uomini provengono dalla stessa zona di Maoming, una città sulla costa meridionale della Cina, secondo i documenti. Ma in un’intervista telefonica, Li Shangbing ha detto di non conoscere Li Yonghong.

Li Shangsong, che ha rifiutato di commentare, ha venduto il suo interesse nel Guangdong Lion nel 2015 a una persona di nome Li Qianru, secondo i documenti. I documenti non contenevano informazioni personali su Li Qianru, che non è stato possibile raggiungere per un commento.

A maggio 2016, secondo le dichiarazioni, Li Shangbing e Li Qianru, hanno venduto il Leone Guangdong a un altro Li: Li Yalu. Il prezzo di vendita: $ 0. Le registrazioni non forniscono informazioni personali su Li Yalu.

Tre settimane dopo, Li Yalu ha venduto una metà del capitale del Guangdong Lion a un altrettanto oscuro investitore, Zhang Zhiling. Il prezzo: $ 0. Nessuno dei due potrebbe essere raggiunto per un commento.

Li è un cognome comune in Cina, e le relazioni tra i vari Li non sono chiare. Il portavoce del Milan non ha voluto commentare.

Li Yonghong, proprietario del Milan e Li Shangbing hanno due cose in comune.

Il primo è un rapporto con il Guangdong Lion. Un tribunale cinese ha citato Li Yonghong e Guangdong Lion in aprile per non aver risolto una controversia con un’altra società cinese, dicendo che entrambe le parti erano scomparse. La corte non ha specificato la relazione. Il portavoce dell’AC Milan ha detto che Li Yonghong aveva semplicemente garantito il prestito e che “lui è una vittima in questo caso“.

Il secondo è un interesse per investire negli sport europei.

A maggio 2016, un giorno prima che Li Shangbing vendesse il Guangdong Lion senza soldi, ha avviato una società chiamata Sino-Europe Sports Asset Management Changxing Company, secondo il database aziendale cinese.

Due giorni dopo aver registrato la società Sino-Europe, un’altra persona ha registrato una nuova società con un nome incredibilmente simile: Sino-Europe Sports Investment Management Changxing Company. Il quartier generale delle due compagnie si trovava nello stesso edificio della città di Huzhou.

Sino-Europe Sports Investment possiede una partecipazione in AC Milan grazie al suo ruolo di azionista in Rossoneri Sport Investment, una società cinese che fa parte del gruppo guidato da Li Yonghong che possiede la squadra di calcio.

Nell’intervista telefonica, Li Shangbing ha negato l’insediamento di una società della Sino-Europa e ha dichiarato di non possedere alcuna parte del Milan. Ha rifiutato di rispondere a ulteriori domande. Il Milan non ha voluto commentare Li Shangbing. Il proprietario elencato della Changxing Company di Sino-Europe Sports Investment Management, Chen Huashan, non ha potuto essere contattato per un commento.

Il quartier generale quotato di Guangdong Lion si trova in un elegante grattacielo a Guangzhou. Ad agosto, gli uffici erano chiusi, con un avviso di sfratto sulla porta. Dentro, i banchi e le sedie erano in disordine, i computer mancavano di dischi rigidi e le larve si insinuavano in un bidone della spazzatura.

Il numero di telefono elencato per Guangdong Lion si connette a una donna che ha affermato di aver aiutato le società a registrarsi presso i regolatori cinesi.

Li Yonghong ha una lunga storia aziendale, ma i documenti cinesi mostrano che include controversie con i regolatori e altri.

Nel 2013, l’ organismo di vigilanza sui titoli azionari della Cina ha multato $ 90,250 per non aver segnalato la vendita di $ 51,1 milioni in azioni di una società immobiliare. Il Milan ha detto che il signor Li non aveva semplicemente familiarità con le regole di quotazione.

Nel 2011, la stessa società immobiliare ha dichiarato in un deposito azionario che il signor Li era il presidente della Grand Dragon International Holding Company, una compagnia di aviazione cinese. A giugno, Grand Dragon ha dichiarato di non avere alcuna associazione presente o passata con la compagnia. Il portavoce dell’AC Milan ha detto di non saperlo.

Nel 2004, l’azienda di famiglia del signor Li, la Guangdong Green River Company, ha collaborato con altre due società per catturare più di 5.000 investitori su un totale di 68,3 milioni di dollari, secondo The Shanghai Securities News, il giornale ufficiale dei watchdog finanziari cinesi. Avevano venduto contratti per lychee e frutteti di longan e avevano promesso agli investitori profitti consistenti, secondo il rapporto.

Il padre e il fratello del signor Li sono stati condannati al carcere. Il signor Li è stato indagato ma non accusato di aver commesso un illecito, secondo il rapporto.

Il Milan ha detto che l’episodio non ha nulla a che fare con il signor Li, aggiungendo che “non era a conoscenza della situazione fino all’indagine”.

Tra le preoccupazioni cinesi riguardo le operazioni all’estero, gli acquisti cinesi di squadre di calcio con nomi prestigiosi rischiano di rallentare considerevolmente per qualche tempo a venire.

“Se l’investimento in uscita dovesse avere lo scopo di” rafforzare la nazione “, anche all’interno delle definizioni più ampie,” Peter Fuhrman, presidente della banca d’investimenti China First Capital, ha dichiarato in una email, “l’acquisto di una squadra di calcio nel Regno Unito o in Italia difficilmente sembrerebbe qualificarsi. “

3Pareggi admin

Leggi l’articolo completo sul blog originale

Calcio e Sport

Parliamone, lascia un commento